Top
cessione credito enel

Cessione del credito a Enel X: bonus energetici alla portata di tutti

Abbiamo già avuto modo di parlare dei vari bonus previsti per il condominio nell’anno 2019 (vedi articolo). Per quanto riguarda, però, i bonus energetici ci sono delle importanti novità per chiunque abiti in una realtà condominiale.

La situazione attuale

Con il prolungamento della riforma anche per il 2019, il  Sismabonus e l’Ecobonus permettono, oggi, di migliorare dal punto di vista energetico il proprio condominio. Le detrazioni fiscali per i due bonus possono arrivare fino all’85% per il primo e fino al 65% per il secondo.

Nonostante i benefici legati all’utilizzo di questi bonus siano molti, sorge un problema nei condomini con poca liquidità. Il credito fiscale, essendo spalmato in dieci anni, costringe il condominio ad anticipare l’intero importo alla ditta responsabile dei lavori. Solo nei dieci anni successivi, potrà vedersi rimborsato dell’intera somma. Questo tipo di pratica impedisce ai condomini che non hanno una liquidità immediata di poter accedere ai bonus di cui avrebbero diritto. Come risolvere questa situazione?

Cessione del credito

cessione del creditoLa soluzione a questa problematica porta il nome di: cessione del credito. Tale espressione sta ad indicare una pratica, già messa in opera da alcune ESCo (Energy Service Company), che consiste nell’acquisire il credito fiscale dei condomini che intendono usufruire dei bonus. In questo modo, il contribuente cede il credito fiscale ad una società che acquistandolo anticipa la somma che gli sarebbe devoluta in dieci anni.

Quella che fino ad oggi sembrava una pratica di poche società entra uffilamente in una delle più importanti multinazionali dell’energia e del gas: Enel X.

Enel X si propone con un programma mirato alla riqualificazione abitativa rivolto ai condomini con più di 8 unità immobiliari. Grazie alla cessione del credito a Enel X il costo di cui si deve fare carico il condominio si limita alla sola quota della parte non coperta dagli incentivi fiscali e così si riduce drasticamente la spesa che il condomino dovrà anticipare.

Francesco Venturini, AD di Enel X , ha dichiarato: “Noi,  acquistiamo dal condomino tutto il credito d’imposta, che può andare dal 50% all’85% del costo dell’intervento a seconda della tipologia. Lo sconto sarà del 5-6%, quindi vantaggioso per i condomini. Questo dovrebbe avere un impatto positivo sul bacino di utenza. Che è enorme”.

La procedura

Per finanziare le richieste che saranno formulate, Enel ha previsto di investire 260 milioni di euro nel bilancio 2019.  In 400 condomini italiani i lavori di riqualifica sono già partiti. Numeri ancora al di sotto del potenziale.

“L’efficienza energetica , continua Venturini, è il nostro mestiere. Inoltre siamo dei forti contribuenti e quindi abbiamo la capienza fiscale per recuperare, tramite il credito d’imposta distribuito nei 10 anni, le somme che anticipiamo. Infine, su questa operazione, diversamente da altri operatori o utility che agiscono esclusivamente dal punto di vista finanziario ci mettiamo la faccia: Enel X si fa garante della qualità dei lavori che saranno eseguiti e che seguiremo direttamente dalla proposta iniziale alla loro conclusione”.

La tipologia di lavori in condominio è varia e flessibile in quanto può riguardare sia un pacchetto di interventi globale che uno parziale in base alle necessità dell’edificio.